Immagine

Scritture al femminile. Voci di donne tra Otto e Novecento nelle carte dell’Archivio di Stato di Bologna(a cura di Salvatore Alongi e Carmela Binchi

visita guidata e laboratorio
per la scuola secondaria di I e II grado, per gli studenti universitari di storia contemporanea
durata: 1 ora e mezza

La scrittura è un tema che gli Archivi di Stato consentono di ripercorrere sotto innumerevoli aspetti. Questo laboratorio didattico intende indagare nello specifico il binomio “donna e scrittura” sotto un duplice aspetto.
Da una parte quello dell’estensione della pratica della scrittura fra Ottocento e Novecento, ampliamento che ovviamente non riguarda soltanto le donne ma che in questa occasione viene declinato al femminile: attraverso l’analisi di un’accurata selezione di documenti è possibile osservare come dalla corrispondenza di donne appartenenti a grandi, se non grandissime famiglie (come Teresa Malvezzi o Carolina Bonaparte), si passi a quella di donne nate in ambienti molto più modesti (come Aurelia Benco o Virginia Tabarroni).
L’altro aspetto è legato alla produzione letteraria e documentaria che ha come centro di interesse la donna: componimenti poetici, sciarade, opere teatrali e saggi storici, ma anche rapporti di polizia, schede segnaletiche e atti giudiziari segnano quasi il confine fra le donne che venivano accettate e integrate all’interno della società in cui erano nate, e quelle che al contrario ne venivano emarginate in quanto potenzialmente sovversive.
Il laboratorio nasce da una mostra documentaria allestita presso l’Archivio di Stato di Bologna nel marzo 2011 in occasione del centenario della Festa internazionale della donna, col proposito di rendere permanente, sebbene in maniera virtuale, quel percorso espositivo.

Fondi archivistici e serie di riferimento:

  • Antonio Aldini
  • Aldobrandino Malvezzi De’ Medici
  • Gioacchino Napoleone Pepoli
  • Tribunale di Bologna, Penale, Atti processuali
  • Questura, Gabinetto, Atti, Cat. A8 “Persone pericolose per la sicurezza dello Stato”
  • Aldrovandi-Marescotti


Torna a La didattica